Con riferimento al DPCM 01-03-2020 art.4 (Ulteriori misure sull'intero territorio nazionale) comma 1 c)

"la riammissione nei servizi educativi per l'infanzia di cui all'art. 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65 e nelle scuole di ogni ordine e grado per assenze dovute a malattia infettiva soggetta a notifica obbligatoria ai sensi del decreto ministeriale 15 novembre 1990, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 8 gennaio 1991, n. 6, di durata superiore a cinque giorni, avviene, fino alla data del 15 marzo 2020, dietro presentazione di certificato medico, anche in deroga alle disposizioni vigenti;" si inoltra la nota della Segreteria Regionale della Federazione Italiana Medici Pediatri.

Con la presente si chiede alle SS.LL., al fine di uniformare il comportamento di tutte le scuole della regione ed evitare difficoltà inutili alla popolazione scolastica, di dare la massima e urgente diffusione al DPCM di cui all'oggetto che ha abolito su tutto il territorio nazionale l'obbligo del certificato medico di rientro a scuola per le patologie non soggette a notifica (DM 15/11/90) fino a tutto il 15 marzo pv.  (v. art. 4 comma 1c)

La ratio del provvedimento è quella di ridurre il più possibile, in questo particolare momento epidemiologico, gli accessi inutili negli ambulatori dei medici che di fatto non possono assolutamente certificare la non contagiosità di nessun soggetto.
Potrebbe essere utile che l'Ufficio predisponesse un facsimile di autocertificazione che i genitori possano usare per motiavare l'assenza del figlio e dichiarare eventualmente di non aver soggiornato in zone epidemiche e non aver avuto contatto con casi sospetti o confermati di infezione da Coronavirus.
Il Segretario Regionale FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri)
Dott. Antonio S. Gurnari

 

tasto home